COSA FACCIAMO

Webera ha esperienza e conoscenza per:

CORSI DI FORMAZIONE

Webera condivide esperienza e conoscenza per:

COME

Webera fornisce consulenza per analizzare e raggiungere i vostri obiettivi on line.

NEWS

Visualizzazione post con etichetta ricerca personalizzata. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ricerca personalizzata. Mostra tutti i post
  • Let's Talk Omnichannel!



    7 pronostici per il futuro dei Voice Assistant


    La battaglia tra i voice assistant (Alexa, Google Assistant e Siri) è solo agli inizi e si giocherà sul campo della smart home, delle auto connesse, dell’intelligenza artificiale e della convergenza tra hardware, software e servizi.  
    Molte indagini prevedono che entro il 2020 il 50% delle ricerche sarà vocale.
    Infatti, mentre le interfacce utente conversazionali e gli assistenti vocali stanno diventando sempre più comuni, brand come Amazon, Google e Facebook stanno alimentando questa tendenza e competono per la quota di mercato. Le interfacce vocali stanno avanzando ad un ritmo esponenziale in tutte le industrie, dall'assistenza sanitaria alle banche, mentre le aziende corrono per far parte di questa rivoluzione.

    Panoramica dei Voice Assistant

    Siri di Apple, Assistant di Google, Cortana di Microsoft, Alexa di Amazon. Questi sono i modi in cui i grandi brand stanno investendo nella tecnologia vocale. Dalla casa intelligente allo smartphone, ci sono numerose applicazioni di questa tecnologia.
    E secondo Adobe Analytics, il 71% dei possessori di altoparlanti intelligenti come Amazon Echo e Google Home utilizzano gli assistenti vocali almeno quotidianamente e il 44% li utilizza più volte al giorno. Oltre il 76% dei possessori di altoparlanti intelligenti ha aumentato il proprio utilizzo di assistenti vocali nell'ultimo anno.
    Anche le APP abilitate alla voce stanno diventando una parte prevalente della nostra vita quotidiana, cambiando il modo in cui i brand ed i consumatori interagiscono fra di loro. In effetti, il numero di casi d'uso delle app abilitate alla voce aumenta di giorno in giorno. Ad esempio, Google ha lanciato nei mesi scorsi una nuova app per Android, Voice Access, che aiuta le persone con mobilità e problemi motori a controllare i propri dispositivi. Con questa app, gli utenti possono diventare più specifici, ad esempio utilizzare la propria voce per toccare i pulsanti o regolare i controlli e navigare all'interno delle app.
    Applicazioni di questa tecnologia sono ovunque, ma dove ci porteranno nel 2019 e oltre?
    Vediamo una panoramica del potenziale che la voce ha e 7 previsioni che penso possano decollare nei prossimi anni.

    1. Risposte più personalizzate con comprensione contestuale

    Negli ultimi anni le risposte erano relative a ciò che l'utente sta dicendo, ma ora saranno più sul perché e dove lo stanno dicendo. La comprensione contestuale è il prossimo passo affinché la voce diventi parte integrante delle vite dei consumatori. 
    Gli utenti vogliono sentirsi come se stessero vivendo un'esperienza personalizzata quando interagiscono con la tecnologia ed in particolare con la voce. La personalizzazione è particolarmente importante in questo settore in quanto vi sono stati in passato molti punti di attrito con la tecnologia vocale. In pratica,  dovrà fornire un'esperienza su misura, che è esattamente ciò che vedremo nel 2019.
    L'Assistente Google è già in anticipo in quanto la tecnologia comprende il contesto delle domande di follow-up dall'inizio dell'anno scorso. Gli utenti possono chiedere all'assistente su Google Home, "Quali sono le previsioni del tempo per domani?" e subito dopo chiedere "Nevicherà?". Google sa che la seconda domanda riguarda la tua posizione specifica. Alexa, d'altra parte, non capisce il contesto fino a questo punto. Allo stato attuale, Google Assistant è diventato più veloce in termini di personalizzazione. Alexa fa affidamento sulle "skill" di routine personalizzate, l'Assistente Google può comprendere richieste specifiche dell'utente e personalizzare la risposta.
    Molti assistenti digitali sul mercato oggi mancano di conoscenza contestuale che mette Google davanti alla concorrenza, anche con Amazon che domina oltre il 70% del mercato. Le risposte personalizzate saranno sicuramente un grande focus nel prossimo anno.

    2. Esperienze individualizzate

    Gli assistenti vocali continueranno inoltre a offrire esperienze più individualizzate man mano che miglioreranno nel distinguere le voci. L'anno scorso, Google ha annunciato che il loro Assistant su Google Home è in grado di supportare fino a sei account utente e rilevare voci uniche, consentendo agli utenti di Google Home di personalizzare molte funzionalità. Gli utenti possono chiedere "Cosa c'è nel mio calendario oggi?" E anche "Parlami della mia giornata?" E l'assistente fornirà le informazioni sul traffico, sul tempo e sulle notizie che sono personalizzate per ciascun utente. Include anche funzioni come nickname, postazioni di lavoro, informazioni di pagamento e account collegati come Google Play, Spotify e Netflix. Amazon ha lottato per recuperare il ritardo quando la società ha annunciato un rilevamento vocale personalizzato per esperienze più personalizzate solo pochi mesi fa.

     3. Oltre il telefono cellulare

    Steve Rabuchin, VP di Amazon Alexa , afferma : "La nostra visione è che i clienti saranno in grado di accedere ad Alexa quando e dove vogliono. Ciò significa che i clienti possono essere in grado di parlare con le loro auto, i frigoriferi, i termostati, le lampade e tutti i tipi di dispositivi dentro e fuori le loro case".
    Ora con una miriade di sistemi in competizione ogni giorno che passa, gli sviluppatori di app dovranno gestire la frammentazione e la complessità dello sviluppo di app su più piattaforme e canali.
    Tuttavia, le aziende devono anche comprendere le capacità di ciascun dispositivo e se ha senso l'integrazione per il proprio marchio. Dovranno anche concentrarsi sul mantenimento di un'esperienza utente coerente nei prossimi anni, poiché la complessità diventa più preoccupante.
    Un settore in cui vedremo davvero i dispositivi abilitati per le chiamate vocali prenderà il via nell'industria automobilistica e nel riconoscimento vocale in auto. Nel 2018 è diventata una caratteristica standard per molti marchi automobilistici e vedremo questo progresso nel prossimo anno. Le persone saranno in grado di fare di più in auto per lavorare. A dimostrazione di ciò, DriveSafe.ly è un ottimo esempio di app che incoraggia la guida sicura in modo che gli utenti possano tenere gli occhi lontani dai loro telefoni.

    4. I comportamenti di ricerca cambieranno

    La ricerca vocale è stata un argomento di discussione e sarà indubbiamente una sfida. Questo perché manca l'interfaccia visiva con gli assistenti vocali. Gli utenti non possono vedere o toccare un'interfaccia vocale a meno che non sia collegata all'App Alexa o all'app Assistant di Google. I comportamenti di ricerca, a loro volta, vedranno un grande cambiamento. Infatti, se le previsioni di Juniper si rivelassero corrette, le entrate pubblicitarie basate sulla voce potrebbero raggiungere i 19 miliardi di dollari entro il 2022, grazie in gran parte alla crescita delle app di ricerca vocale sui dispositivi mobili.
    Oggi i brand stanno vivendo un cambiamento nel quale i touchpoint si stanno trasformando in punti di ascolto e la ricerca organica sarà il modo principale in cui i brand hanno visibilità. I dati di comScore rivelano addirittura che il 50% di tutte le ricerche avverranno tramite tecnologia vocale entro il 2020.
    Con l' aumentare della popolarità della ricerca vocale, le agenzie pubblicitarie e gli esperti di marketing si aspettano che Google e Amazon apriranno le loro piattaforme a forme aggiuntive di messaggi a pagamento.

    5. Notifiche vocali

    In termini di marketing di app per dispositivi mobili, la voce è una nuova sfida: coinvolgimento e fidelizzazione degli utenti. Gli sviluppatori dovranno trovare i modi per catturare e mantenere l'attenzione dei propri utenti dando loro una spinta per continuare a utilizzare l'app. A settembre, Amazon ha aggiunto una funzionalità di notifica all'API di Amazon Voice Services . La funzione Notifiche consente ad Alexa di indicare in modo proattivo che ci sono nuovi contenuti sulle funzionalità di base, come gli aggiornamenti Shopping e le competenze di Alexa.
    "Le notifiche vocali di oggi potrebbero essere piuttosto semplici, ma proprio come le notifiche delle app si sono evolute in ricche esperienze interattive, anche le notifiche vocali si evolveranno mentre le interfacce vocali diventano più importanti nelle nostre vite."

    6. Interazione

    CES 2018 ha dimostrato che la voce e il display si fondono in un'unica esperienza senza soluzione di continuità. Google ha mostrato il proprio assistente con il display dello schermodi Lenovo. In effetti, l'installazione di CES 2018 di Google ospitava centinaia di altri dispositivi che mostravano l'Assistant Google, molti dei quali erano schermi per consentire agli utenti di interagire ulteriormente con l'assistente.

    7. La sicurezza sarà un punto focale

    Quest'anno, i pagamenti vocali diventeranno più sicuri e convenienti. Gli utenti saranno sono sempre più consapevoli d al tempo stesso preoccupati dei loro dispositivi nella casa intelligente. Con così tanti dispositivi nello spazio della nostra casa, sarà sempre più importante che mai mantenere le informazioni private. La privacy e la sicurezza devono essere al centro dell'attenzione mentre la voce si fa strada, entrando nelle case di milioni di persone. I pagamenti vocali, in particolare, diventeranno più sicuri e convenienti per gli utenti che effettuano acquisti. La verifica degli altoparlanti e l'ID diventeranno fondamentali come parte dell'esperienza di assistente vocale, con una maggiore sicurezza attorno all'utente.

    Ma cosa spinge questo passaggio alla voce?

    Il principale driver di questo spostamento verso le interfacce utente voce sono le mutevoli richieste degli utenti. C'è una maggiore consapevolezza generale e un maggiore livello di comfort dimostrato specificamente dai consumatori millennials.
    L'adozione di massa dell'intelligenza artificiale nella vita quotidiana degli utenti sta inoltre alimentando il passaggio alla voce. Il numero di dispositivi IoT come i termostati e gli altoparlanti intelligenti sta dando agli assistenti vocali più utilità nella vita degli utenti connessi. Gli altoparlanti intelligenti sono il modo in cui vediamo la voce in uso. Tuttavia, è solo l'inizio. Molti esperti del settore prevedono addirittura che quasi tutte le applicazioni integreranno la tecnologia vocale in qualche modo nei prossimi 5 anni.

    Perché adottare una strategia vocale mobile?

    I telefoni cellulari sono già personalizzati, più di qualsiasi altro sito web. Inoltre, c'è molto poco spazio sullo schermo sul cellulare, rendendo più difficile agli utenti la ricerca o la navigazione. Con elenchi di prodotti più grandi e maggiori informazioni, la voce consente ai consumatori di utilizzare un linguaggio naturale per eliminare o ridurre lo sforzo manuale, rendendo molto più veloce l'esecuzione delle attività.
    E' recente la ricerca vocale sui telecomandi delle PayTV per consentire di sfogliare rapidamente e trovare i programmi preferiti o gli ultimi film con determinate parole chiave, ad esempio il nome di una attrice. I brand devono concentrarsi su esperienze mobili migliori per i loro consumatori e la voce è il modo per farlo. Gli utenti sono alla ricerca di modi più rapidi ed efficienti per eseguire le attività e la voce sta rapidamente diventando il canale ideale per questo.
    Che si tratti di scoprire informazioni, effettuare un acquisto o raggiungere un obiettivo, la voce è la nuova esperienza mobile. È chiaro che le aziende stanno correndo per capire la loro strategia vocale.

    La Voice User Interface (VUI) continuerà ad avanzare

    Quelli sopra sono solo alcuni semplici e possibili scenari ed è facile capire perché gli assistenti vocali si stiano trasformando in centri nevralgici delle nostre case collegate e in una vita sempre più connessa.
    La tecnologia vocale sta diventando sempre più accessibile agli sviluppatori. Ad esempio, Amazon offre  Transcribe , un servizio di riconoscimento vocale automatico (ASR) che consente agli sviluppatori di aggiungere funzionalità speech-to-text alle loro applicazioni. Una volta integrata la funzionalità vocale nell'applicazione, gli utenti possono analizzare i file audio e, in cambio, ricevere un file di testo del discorso trascritto.
    Google ha fatto passi avanti nel rendere Assistant più onnipresente aprendo il kit di sviluppo del software tramite  Actions, che consente agli sviluppatori di creare voce nei propri prodotti che supportano l'intelligenza artificiale. Un altro dei prodotti di riconoscimento vocale di Google è lo strumento CloudSpeech-to-Text  basato su AI   che consente agli sviluppatori di convertire l'audio in testo tramite  algoritmi di deep neural learning.


    E questo è solo l'inizio per la tecnologia vocale, poiché vedremo importanti progressi nell'interfaccia utente negli anni a venire. Con i progressi nelle VUI, le aziende devono iniziare a capire come sfruttare al meglio la voce per interagire meglio con i propri clienti. 
    È importante chiedersi quale sarà il valore aggiunto di aggiungere la voce, poiché non sempre è logico che ogni azienda la adotti. Come puoi fornire valore ai tuoi clienti? Come stai risolvendo i punti critici con la voce? La voce migliorerà l'esperienza dell'utente o frustrerà l'utente?

    Nel 2019, le app abilitate alla voce cominceranno a capire non solo quello che stiamo dicendo, ma come lo stiamo dicendo e il contesto in cui viene effettuata la richiesta.
    Tuttavia, ci sono ancora una serie di ostacoli che devono essere superati prima che la voce venga adotta in massa. I progressi tecnologici stanno rendendo gli assistenti vocali più capaci in particolare nell'IA, nell'elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e nell'apprendimento automatico. Per costruire una solida esperienza di riconoscimento vocale, l'intelligenza artificiale che sta dietro deve diventare migliore nel gestire sfide come accenti e rumore di sottofondo. E i consumatori diventeranno sempre più fiduciosi nell'usare la voce per parlare con telefoni, automobili, dispositivi domestici intelligenti, ecc., La voce diventerà l'interfaccia principale per il mondo digitale e con essa, lo sviluppo di app per il design dell'interfaccia vocale  (Voice user Interface) sarà sempre più richiesto.

    Conclusioni 

    La voce è il futuro di come le aziende interagiranno con i loro clienti
    I progressi in numerosi settori stanno aiutando gli assistenti vocali digitali a diventare più sofisticati e utili per l'uso quotidiano. La voce si è ormai affermata come l'ultima esperienza mobile. Però la mancanza di competenze e conoscenze rende particolarmente difficile per le aziende adottare una strategia vocale. Ci sono molte opportunità per esperienze molto più profonde e confidenziali con i clienti.
    La domanda è: la tua azienda è disposta a sfruttare questa opportunità?

  • Google Custom Search Engine (CSE)


    Google Custom Search Engine (CSE) è essenzialmente la barra di ricerca che è possibile aggiungere al proprio sito Web per permettere ai i tuoi visitatori di cercare all'interno del tuo sito web o dei siti che hai specificato in fase di configurazione.
    In altre parole, puoi creare il tuo motore di ricerca personalizzato con solo un certo tipo di risultati. Per i professionisti del marketing che cercano una nuova soluzione rapida, la ricerca personalizzata è un ottimo punto di partenza.

    I PRO ED I CONTRO DELLA RICERCA PERSONALIZZATA DI GOOGLE
    È importante capire se un motore di ricerca personalizzato (CSE) se è giusto per te, esaminando alcuni pro e contro:

    PRO

    • Facile: ti permette di cercare solo un determinato dominio, pagina web o anche argomento. Rende Internet più piccola e tu hai il controllo completo.
    • Posizionamento: Copiando il codice dello script ed incollandolo nel codice HTML, è possibile inserire la ricerca personalizzata su qualsiasi punto del vostro sito. 
    • URL pubblico: Puoi ottenere l'URL pubblico del tuo motore di ricerca personalizzato in modo da poter utilizzare questo nuovo motore di ricerca semplicemente navigando sul Web.
    • Anteprima: Dopo aver creato la tua ricerca personalizzata, puoi vedere un'anteprima dei tipi di risultati che otterrai quando utilizzi il tuo CSE. Questo può aiutarti ad assicurarti di ottenere esattamente ciò che desideri.
    • SEO. La ricerca personalizzata è un modo semplice per aiutarti a trovare i link della concorrenza. Puoi vedere dove la concorrenza sta guadagnando link e poi cercare di guadagnare quei link da solo. Non è il modo ideale per creare link, ma è un buon metodo quando ti trovi in ​​una situazione difficile.


    CONTRO

    • Non include alcune funzioni di Ricerca Google, ad esempio i risultati personalizzati
    • Può avere un sottoinsieme di risultati dall'indice di Google se includi più di dieci siti


    Prova ora!


  • CONTATTI

    Vuoi scoprire come possiamo aiutarti? Hai un'esigenza specifica e vuoi capire come risolverla?
    Compila il seguente modulo per essere contattato da un ns. esperto!

    * campi obbligatori
    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver preso visione l’Informativa privacy relativa al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.